L’Ad Maiora cade contro la Justmary Capri e subisce la prima sconfitta della stagione 2020 – 21.

Il match disputato sul neutro del Palavesuvio “B”, a Ponticelli (Napoli), alla vigilia era preventivato come  enorme ostacolo contro la formazione isolana, costruita per il salto in A2 ed in questa ottica, il club caprese non aveva lesinato, l’estate scorsa, risorse per completare il roster con alcuni tasselli idonei per l’obbiettivo prefissato.

La formazione ionica di Palagiano, priva del suo play titolare per problemi fisici e con roster ridotto per scelta tecnica, giungeva nel capoluogo partenopeo per tentare di mettere in difficoltà la formazione di coach Falbo. A tal scopo, il coach inioco schierava il miglior quintetto a disposizione con Berardi in cabina di regia, Gismondi e Lacitignola sulle ali, con licenza di svariare, Palmisano e Cimninelli come lottatrici sotto le plance. Falbo, invece, schierava Gallo, Maggi, Shaxon, Rios e David.

Il primo quarto iniziava con le padrone di casa sorprese dalla veemenza delle rossoblu che avevano almeno cinque occasioni per passare immediatamente in vantaggio, mancate per un pizzico di frenesia ed imprecisione. Poi, il punteggio si sbloccava grazie ad un tiro dalla media distanza dell’inglese Shaxon. Dopo l’impatto farraginoso, l’Ad Maiora riusciva a sbloccare il punteggio con l’argentina Berardi, ma immediatamente David piazzava subito tre canestri, anche nella lotta ai rimbalzi che premiava la prestanza fisica, e questo consentiva alle padrone di casa di passare subito in vantaggio, sia pure limitato dalle conclusioni di Ciminelli, Gatti e Lacitignola.

Al primo mini intervallo, le ioniche erano in svantaggio di sette punti (11 – 18) e ci si apprestava, al secondo quarto, con l’idea di continuare a svolgere un gioco impostato su velocità ed aggressività.

Il secondo periodo si apriva subito con una tripla di David, replicato con il successivo tiro dalla media, quindi le rossoblu cercavano di rimanere in scia con Berardi, ma le triple di Rios, Shaxon e Gallo portavano il match, all’intervallo lungo, con le isolane sul + 20 (43 -23), un segnale preciso sull’inerzia che il match avrebbe preso.

Al rientro in campo, la formazione di coach Falbo tentava di allungare in modo perentorio, ma le rossoblu si impegnavano per mantenere il distacco quanto più possibile contenuto, tentativo che riusciva grazie alla mano calda di Berardi e Ciminelli, mentre le locali, con un tiro dalla metà campo di Porcu, a filo di sirena, trovavano il punto n° 61, con questa tripla eccezionale.

Nell’ultimo periodo, il Capri cercava di ampliare in distacco di 24 punti, maturato, nel parziale precedente (61 – 37), ma le ioniche cercavano di rimanere nel gap dei 30 punti, cercando di limarlo ed arrivando anche al – 22 poi, nelle ultime battute di gara, la stanchezza dovuta al grande sforzo fisico profuso, una rotazione limitata del roster per i motivi predetti e la voglia delle capresi di fissare il vantaggio in cifra tonda, indicavano il finale di 74 a 44, per un incontro disputato con la migliore, in assoluto, del lotto di questo campionato di serie B.

Le notizie provenienti dagli altri campi nel post gara, ed il conseguente posizionamento al terzo posto nella classifica generale, nonostante un turno di stop, mitigavano l’amarezza per non essere riusciti a limitare la sconfitta, sicuramente giusta, parsa però eccessiva nel divario dello scarto finale.

Ora ci saranno due settimane per preparare adeguatamente il prossimo match di campionato, in quanto il turno infrasettimanale di Pasqua è stato rinviato per problemi sanitari del Corato. Il cammino dell’Ad Maiora riprenderà domenica 11 aprile, ore 20.00, a Battipaglia, sul campo del Palazauli, impianto in cui gioca anche la formazione di A1 del centro salernitano.

Justmary Capri – LOWENGRUBE Ad Maiora Taranto 74 – 44 ( 18 – 11, 43 – 23, 61 – 37)

Capri: David 19, Rios 10, Shaxon 7, Porcu 3, Gallo 17, Maggi 14, Falanga 4, Iorio n.e., Rusciano n.e., La Piccirella (All. Paolo Falbo).

Taranto: Caminiti, Palmisano 2, Berardi 14, Gatti 5, Lacitignola 6, Ciminelli 15, Gismondi 2, Donzelli n.e., Vitali n.e. (All. Fabio Palgiano – 1° ass. all. Francesca Rubino)

Arbitri: Giacomo Madonna di Napoli e Stefano Pezzella di Arzano (Napoli).

Fabrizio Di Leo